Rifinire una superficie bronzea dopo la pulitura.

Oggi vi racconto cos’è la rifinitura di un bronzo dopo la pulitura e cosa significa per il restauratore questa fase delicata.

Al termine del restauro di un bronzo, che sia esso non dorato o dorato, si esegue la rifinitura. È l’operazione che attualmente sto compiendo sulla Porta Sud del Battistero di Firenze, opera di Andrea Pisano risalente al 1330/36.

La superficie va osservata minuziosamente e sgrassata con un cotoncino imbevuto si solvente. Poi vanno tolte eventuali residui di sporco e deposito rimasti dopo la pulitura che sono visibili sotto una lente d’ingrandimento.

Si rimuovono a bisturi con svariate tipologie di lame e diversi specilli con diverse tipologie di punte e materiale.

Si entra nei sottosquadri e nelle asperità del metallo e si cerca di rimuovere ogni residuo di prodotto di alterazione o deposito.

Per il restauratore è come una revisione del lavoro eseguito ed anche un momento per studiare la superficie ed appuntarsi eventuali particolarità che sono finalmente visibili.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Claudia ha detto:

    Bello! E che pazienza!!!!

    "Mi piace"

    1. mammarestauratrice ha detto:

      Non è tanto la pazienza quanto la determinazione cara Claudia… ci vuole determinazione a fare quello che più piace… e tanto coraggio!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.