Lì, da dove tutto è partito.


E’ partito tutto quel giorno che ho deciso di commentare questa lettura istruttiva su Il Sole 24ore online. Questo è l’articolo che mi colpì e il commento che ne scaturì molto molti molti giorni dopo, una mattina.
Autunno.

Era una mattina d’autunno. Finalmente ero riuscita a riposarmi un pò nel letto dopo aver accompagnato il mio bambino all’asilo. E niente. Ho preso coraggio. E per colmare il vuoto infinito che avevo dentro da quasi due anni e mezzo ho cominciato a digitare sul cellulare il testo per un commento ad un articolo di Mamme con la partita Iva che avevo letto settimane prima sul blog Alley Oop de Il Sole 24ore online.

Le parole scorrevano liquide, come se fossero sempre state scritte nero su bianco, e il mio cervello ringraziava della novità, del flusso che finalmente scorreva.

L’articolo trattava la vita delle Mamme con la partita Iva: scritto da Letizia Giangualano il 07 Ottobre 2018 sul blog Alley Oop “L’altra metà del Sole” racchiuso nel sito de Il Sole 24ore per presentare il libro di Valentina Simeoni, Mamme con la partita IVA. Come vivere allegramente la maternità quando tutto è contro, Sonzogno Editore, 2018. Ho riproposto il link all’inizio di questo testo.

Ebbene … mi sono sentita meno sola…

E’ servito per iniziare la via della serenità.

Ripropongo le mie parole scritte anche qua sotto perchè per me sta diventando utilissimo sfogare i miei momenti creativi mentali in queste pagine virtuali ed è importante ricongiungersi sempre a quando sono partita. Faccio lo stesso con la mia Ditta di Restauro… cerco di non montarmi mai la testa e di ritornare sempre là dove tutto è cominciato, ovvero alla Scuola dell’Opificio delle Pietre Dure, Settore Bronzi e Armi Antiche.

E’ utile in questo mondo essere umili, orgogliosi dei passi in avanti e giudiziosi nell’affrontare le salite.

Di seguito il mio commento. Racconta un pò di me.

Ho deciso anche di acquistare il libro… vi farò sapere.


Elena Della Schiava | 18 ottobre 2018 alle 10:27

Ho letto ogni parola dell’articolo.
Risponderò in modo semplice e senza tanti fronzoli o giri di parole o frasi fatte.
Sono un Mamma felice che lavora come Restauratrice presso se stessa.
Rispondo da sotto le coperte alle 9.54 perché il bambino è all’asilo. Mi sono presa un momento per me. E non è una brutta cosa, e non sono egoista.
A. È nato il 31 luglio 2017 nel giorno del compleanno del mio babbo S., dopo un anno di prove e dopo esattamente un anno e un mese e mezzo che la mia dolce Mamma Z. se n’è andata in cielo.
Col mio lavoro mi aveva detto che mi avrebbe aiutato Lei a fare entrambe le cose contemporaneamente, la Mamma e la Restauratrice con ditta, e invece il destino ha fatto girare la ruota e sono rimasta sola. Sola senza di Lei. Fortunetamente A. È nato il giorno del Nonno S. E si sono amati subito e Fortunetamente il cielo mi ha regalato un marito spettacolare e due sorelle fantastiche.
Comunque sia sono tornata a lavoro a fine ottobre. È stata dura. Durissima.
Di testa. Di nervi.
In alcuni giornate andavo via alle 10 della mattina e tornavo alle 17. Stanca ma cmq operativa fin da subito come Mamma.
Ho letto l’articolo. Ci si sente sole. È vero.
E io mi sono sentita ancor più sola perché la mia Mamma non c’era fisicamente. Ogni respiro mi è mancata.
Il mio lavoro è anche un lavoro di responsabilità e fisico quindi testa e fisico si stancavano.
Ora spero di non aver perso il filo del discorso. Con la maternità succede anche questo. Cervello spezzato in due e distratto. A casa sono felice ma penso al lavoro. Al lavoro sono felice ma penso a casa.
Da lavoratrice autonoma ho percepito un’indennità di maternità per tre mesi … gli altri due li devo ancora riscuotere. Pochi. Pochi. Rispetto ai sacrifici fatti gli anni prima.
Ti scontri mentalmente con la visione di molte Mamme dipendenti che stanno a casa 1 anno e mezzo e cmq che un po’ guadagnano. Ti scontri da sola osservandole lamentarsi che non gli va bene nemmeno così.
A me dicono in molti che sono fortunata perché non ho orari e posso fare quello che voglio quando voglio. Grasse risate.
Non lo so. È tutto semplice e tutto complicato.
Io poi sono una tipa ansiosa quindi vi lascio immaginare. Una tipa ansiosa e mi manca la mia Mamma. Mi manca che non abbia visto A. Dal vero perché poi so che in pancia e nei suoi sogni Lei sta con Lui.
Avere un figlio è una scelta. Io l’ho fatta convinta all’80 per cento. L’altro 20 di incertezza perché mi sarei sentita sola si manifesta coi nervi. Si io a vole sono una Mamma isterica ahhahaha e ripetitiva. Dico sempre le stesse cose.
Fortunatamente ho avuto un grosso incarico che mi ha permesso di avere A. E tanta buona volontà. Ho letto molti libri per colmare l’Assenza e per essere una brava Mamma.
Dico sempre che A. È la mia terza laurea. Quello che sarà del futuro non lo so perché a giugno il grosso incarico termina.
Anche io quando sono stanca che torno dal lavoro faccio finta di non vedere la polvere o il sudicio in terra. Per dedicarmi ad A.
Le mie cose della ditta sono rimaste indietro… è ovvio mi avrebbe detto la Mamma… invece molti mi hanno detto che volere è potere … che ce la devo fare lo stesso … che con una ditta non mi posso permettere di rimanere indietro.
Non lo so. Io un po’ mi sono fermata ma giornalmente faccio piccoli passi in avanti.
Ho studiato 13 anni per ottenere quello che ho ora.
Vi saprò dire.
Intanto A. Cresce e cresco anche io come Mamma e come #mammarestauratrice. Mi piace chiamarmi così.
Ho un pagina fb dove descrivo la mia passione. Si chiama Elena Della Schiava – Restauro.
E nulla … questo è quanto.
Per inciso aspetto sempre gli 80€ al mese del bonus bebè. Però il bonus Mamma di 800 € del 2017 mi ha fatto respirare. Per correttezza però mi hanno tassato la maternità percepita come fosse una fattura fatta. Bho… io delle leggi ci capisco poco.
Tutto si evolve. Cercherò di stare al passo. Senza la mia Mamma è molto difficile ma ce la metterò tutta.
Grazie dell’articolo mi sono sentiva compresa.
Elena Della Schiava da Firenze

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Claudia ha detto:

    Brava! E w i flusso di pensiero… Ci salvano!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.